L’Altra

L’Altra è quella donna con cui ci confrontiamo fin da bambine.

Cresce con noi ma ha sempre una marcia in più. Ha sempre un voto in più a scuola, è sempre più bella, più educata, più ammirata di noi.

L’Altra è quella che ha tutti trenta all’università, che a lavoro conquista proprio quella promozione che volevamo noi.

L’Altra è quella che dà ai nostri partner quello di cui hanno bisogno quando noi non ci riusciamo, quella che la persona che amiamo guarda come vorremmo essere guardate noi, quella per cui veniamo tradite e a causa di cui ci sentiamo umiliate.

L’Altra a volte è persino nostra alleata, quando ci sentiamo forti e, osservandola, pensiamo di somigliarle.

L’Altra è la nostra peggior nemica quando ci sbatte in faccia i nostri difetti, i nostri fallimenti, quando ci passa davanti proprio mentre stiamo commettendo un errore e ce lo fa notare.

L’Altra ha il colore degli occhi che piace alla persona che amiamo, la fa ridere, la fa sognare più di noi. L’altra dà ai propri figli solo il meglio, l’Altra è elegante, impeccabile.

Ognuna di noi ha un’Altra con cui fare i conti. C’è un’Altra anche per quella che ci ha rubato l’amore, per il nostro capo, per quella donna bellissima che ci fa sentire così mediocri.

L’Altra esiste, ma c’è una cosa che spesso dimentichiamo. Anche noi siamo l’Altra per qualcuno, anche se non lo sappiamo.

Nella vita è tutta una questione di prospettive e la realtà cambia radicalmente a seconda del punto di vista da cui la si guarda.

Per questo, ogni volta che non ci amiamo abbastanza, che ci sembra di non essere all’altezza di qualcosa o di qualcuno, che ci sentiamo sole ricordiamoci bene una cosa.

In fondo, l’Altra, siamo noi.